Articoli - Tag: italia

  • LA BATTAGLIA DI MONTELUNGO
    Montelungo, nel dicembre del 1943, era un nome sconosciuto. Esso aveva senso soltanto per i "locali" dell'alto bacino del Volturno. Dal punto di vista operativo il significato di questa località non ha aumentato la sua importanza neanche dopo i fatti d'arme del dicembre 1943. I combattimenti che vi si sono infatti svolti, specie se posti accanto a quelli di Cassino, che ben altra importanza assumono nella storiografia militare, hanno uno scarso peso nell'economia della campagna d'Italia.
    richieste: 2337
  • UNA GAVETTA ITALIANA DALLA RUSSIA
    Questo sito è dedicato alle battaglie di Cassino, ma, come abbiamo aiutato delle famiglie che hanno avuto caduti o dispersi sulla Linea Gustav, di qualsiasi nazionalità esse fossero, così abbiamo cercato di aiutarne una italiana per un loro caro disperso in Russia.
    Ci è sembrato un gesto di normale umanità.
    richieste: 1851
  • VITTORIO REBESCHINI RACCONTA
    Sono Vittorio Rebeschini, medico pediatra ,nato Monselice, classe 1922. Lasciato in congedo illimitato provvisorio nel 1941, venni chiamato alle armi nel 1943 e, dopo essermi presentato al Deposito del 57° Reggimento Fanteria, l’8 febbraio venni assegnato a Marostica per frequentare il V corso preparatorio di addestramento nel Corpo dei Bersaglieri; l’assegnazione venne decisa su mia richiesta.
    richieste: 1840[PDF]
  • RICORDO DI VITTORIO REBESCHINI († 6/12/2005)
    Purtroppo Vittorio Rebeschini ci ha lasciato il 6 dicembre proprio mentre stavamo per partire per Mignano ma un piccolo ferro raccolto sul Monte è ora con Lui.
    Al suo funerale Teresa mi ha chiesto di leggere la poesia di Giovanni Recchi “La Madonnina di Montelungo” che ognuno del LI° considera una preghiera.
    Ho accettato…… ma non mi è stato facile arrivare in fondo!!
    Da tutto il tuo battaglione ciao Vittorio.
    richieste: 1668
  • LA LETTERA DI GIUSEPPE RICCARDI ALLA MADRE
    Carissima Mamma,
    quando queste mie ultime righe ti giungeranno, io sarò andato a raggiungere Papà.
    Questa sera sono stanco. Quattro vecchi amici bersaglieri, ma di quelli di una volta, ci hanno lasciato congedati; domani sera entriamo in azione, non sarà per me la prima, comunque c’è un pò di nervosismo in me.
    richieste: 1733[PDF]
  • IL MIO PIUMETTO DI FEDERICO MAZZOCCHI
    Per l’armamento niente da fare, anche se il moschetto è del 1881; per la divisa si rimedia con quelle coloniali di tela cachi, anche se fa freddo. Piumetti ? Neanche parlarne !
    Ma qualche vecchio bersagliere del posto l’ha gelosamente conservato e ce lo offre. A me lo consegna un vecchietto della Grande Guerra e con le lacrime agli occhi mi dice … portalo con onore !
    richieste: 1664[PDF]
  • ERANO IN TRECENTO DA "QUI BOLOGNA"
    Pressoché ignorato dalla storia, questo piccolo reparto composto unicamente di volontari, darà vita a quello che in seguito sarà il Corpo Italiano di Liberazione e combatterà a fianco degli americani del generale Mark W. Clark a Montelungo, in quella battaglia che aprì alle divisioni corazzate del II Corpo d’Armata la porta d’ingresso alla piana di Cassino.
    richieste: 1581[PDF]
  • RITORNO A MAROSTICA
    L’ordine di trasferimento a Marostica mi colse di sorpresa e d’un balzo mi si riempì l’animo di tanti ricordi e figure care, e mi riapparve subito la
    piazza d’armi gremita di instancabili ragazzi-acrobati e le sudatissime Val Cornosega e Cima Grappa che più volte alla settimana aggiungevamo, incredibilmente carichi di armi, a cavallo di biciclettine inamidate tant’erano rigide.
    richieste: 2601
  • ARMANDO BALESTRINO - BATTAGLIONE "BAFILE"
    Armando Balestrino, allievo dell’Accademia Navale di Livorno, sottotenente del Genio Navale di recente nomina, dopo l’8 settembre si offrì volontario per combattere con il ricostituito Reggimento San Marco e subito si trovò impegnato sul fronte di Cassino con il Battaglione Bafile. Terminata la guerra conservò per lunghi anni i ricordi di quel periodo, ricordi che in seguito il figlio, ormai adulto, ha messo per iscritto, al fine di conservare la memoria di quegli eventi che videro protagonista, suo malgrado, anche suo padre.
    richieste: 4031
  • RICORDI DI GUERRA
    Enrico Farinosi, classe 1922, interrompe gli studi universitari per partire volontario all’inizio del 1943. Arruolato nei Bersaglieri presso il LI Battaglione A.U.C. di stanza a Marostica, nella II Compagnia, II plotone, V squadra, segue le vicende della sua unità fino all’attacco del giorno 8 Dicembre 1943 a Montelungo, in cui viene seriamente ferito. La sua squadra quel giorno ha 4 morti e 5 feriti su 10 effettivi. La sua guerra finisce lì. Negli anni a seguire manterrà sempre fortissimo il legame con Montelungo, i suoi Amici Caduti e quelli sopravvissuti, partecipando con passione a tutti gli incontri e raduni, salute permettendo. E’ scomparso il 25 Aprile 2004. Pochi giorni dopo, in un ideale continuità di sangue e valori, le sue piccole nipoti hanno seppellito una ciocca dei suoi capelli in quella spianata fra la ferrovia e le pendici del monte che videro dissolversi la sua II Compagnia.
    richieste: 4500
  • UN SOLDATO: FLAVIO FOSSI
    Flavio Fossi, nato a Compiobbi (Fiesole) il 21/04/22, Studente Universitario ed Allievo Ufficiale di Complemento Granatieri; volontario negli esploratori del 67° Reggimento Fanteria, trova la morte l’8/12/43 a Montelungo. Medaglia D’Argento al Valor Militare sul campo alla memoria.
    richieste: 2493
  • ITALIANI REPUBBLICANI SUL FRONTE SUD (1943-1944)
    Le Forze Armate della Repubblica Sociale Italiana già nel settembre 1943 affiancarono al sud lo sforzo militare tedesco contro l’invasione, con propri militi in prima linea ed in retrovia. Essi si schierarono in continuità di combattimento, come "Freiwillige Italienische" o in reparti di nuova costituzione.
    richieste: 7505
  • UN CADUTO DEL BATTAGLIONE "BAFILE"
    Giovanni Antonioli, era un marinaio sottocapo cannoniere.
    Dopo l'8 settembre 1943, viene inquadrato nel battaglione 'BAFILE', il primo dei tre del ricostituito reggimento di fucilieri di Marina 'San Marco'. Con questa unità entra in linea sul fronte di Cassino il 9 aprile 1944, nella zona di Valvori - Acquafondata (circa 10 km a nord-est di Cassino).
    Giovanni cade il 22 aprile 1944 sul monte Cicurro ed ora riposa nel cimitero militare di Mignano Montelungo.
    richieste: 1977

LISTE


CATEGORIE


ANNI


AUTORI


TAG

L'attribuzione dei tag ai singoli articoli è in corso, l'elencazione può quindi essere parziale (aprile 2017).