Il bombardamento di Cassino, 15 Marzo 1944

La ricerca è sempre in corso e la pagina potrà subire modifiche e integrazioni.

Per chi non conosce questo tragico evento e il contesto in cui avvenne, è consigliabile un'introduzione preliminare tramite la lettura sia della cronologia delle battaglie per Cassino sia, eventualmente, degli articoli correlati.

Premessa.

Il bombardamento della città di Cassino fu una parte di una più ampia operazione progettata per scardinare la posizione difensiva tedesca di Cassino. Quest'operazione prevedeva un'articolata fase aerea che, oltre al bombardamento di Cassino, comprendeva numerose azioni su altri obbiettivi e che fu largamente più complessa del bombardamento dell'Abbazia di Montecassino, avvenuto un mese prima.

In questa pagina tratteremo solo dell'azione su Cassino e ci limiteremo volutamente a riportare solo dati di tipo macroscopico rimandando alla pagina sulle unità aeree o ad altre future pagine di approfondimento eventuali altri dati, di maggiore dettaglio o riferiti ad altre fasi di questa operazione, estraibili anche da altri documenti di cui disponiamo.

La ricerca.

La ricerca si è svolta presso gli archivi del Air Force Historical Research Agency (AFHRA) per tramite del sig. Archangelo "Archie" DiFante e della sig.ra Tammy T. Horton, che desidero ringraziare entrambi per l'interessamento e la fattiva collaborazione nell'individuazione dei documenti richiesti.

I documenti ufficiali ottenuti sono numerosi e ci consentono di disporre di molte informazioni di "prima mano" relative a quest'azione. Le modalità di archiviazione su microfilm non sempre hanno permesso di ottenere l'organizzazione dei documenti stessi, che risultano mescolati, distribuiti su varie bobine e la cui correlazione è piuttosto laboriosa.

Abbiamo però individuato un fascicolo raccolto in una "cartelletta" dal titolo No.51 LUDLOM (CASSINO OP) e costituito da documenti di vario tipo (veline per comunicazioni radio, ordini di operazione, relazioni postume, ecc.), cronologicamente ordinati, redatti da soggetti diversi in varie date dal febbraio 1944 al luglio 1944 (forse per questo non sempre tra loro univoci in relazione alle cifre e alle valutazioni fornite) che riguardano vari aspetti dell'azione, dalla proposta fino alla valutazione dei risultati ottenuti. [1].

Questa pagina si baserà quindi in particolare sui documenti di questo fascicolo, anche utilizzandone parti integrali dove queste siano già di per sè sostanziali o riassuntive. Altri documenti saranno utilizzati per confrontare le informazioni e integrare aspetti mancanti o solo accennati dai documenti del fascicolo.

Restano significative le seguenti fonti bibliografiche:

WEDNESDAY, 15 MARCH 1944
MEDITERRANEAN THEATER OF OPERATIONS (MTO)
STRATEGIC OPERATIONS (Fifteenth Air Force): In Italy, 300+ B-24s and B-17s bomb Cassino, the area S of Cassino and areas near Venafro in support of the US Fifth Army; 250+ other heavy bombers return to base without bombing because of complete cloud cover of their target areas; extensive fighter cover over the Cassino area is provided by P-38s, and P-47s fly 2 sweeps over the Viterbo-Canino area; there is no fighter opposition. ...

TACTICAL OPERATIONS (Twelfth Air Force): In Italy, medium and fighter- bombers, together with Mediterranean Allied Strategic Air Force (MASAF) heavy bombers and other aircraft of the Mediterranean Allied Tactical Air Force (MATAF) in the greatest air effort yet made in the MTO, rain bombs upon enemy concentrations in Cassino and surrounding areas as the New Zealand Corps begins the third battle of Cassino; light and medium bombers also hit a command post E of Ceprano and the town of San Benedetto de Marsi; fighters on patrol and a sweep over Anzio, Cassino and Rome meet no air opposition.

Combat Chronology of the US Army Air Forces - March 1944

[...] First to arrive at 0830 were the medium bombers, B-25's and B-26's, in flights of a dozen or more, escorted by fighters flying high above them and marking the sky with vapor trails. The bombers approached the target, almost passed, then turned left. The bellies of the planes opened, and the bombs tumbled out. Then the planes wheeled again, this time to fly home.
About 80 percent of the bombs dropped by the aircraft in the first wave fell into the heart of Cassino. The others landed nearby, a few short ones coming to earth on the Allied side of the Rapido River. As the bombs struck, "stabbing flashes of orange flame" shot through a holocaust of erupting smoke and debris.
Next, at 0845, came the heavy bombers, the Flying Fortresses, along with the dive bombers. As the pilots roared over the town, already obliterated from left with any fight in them. Surely it would be but a question of bodies and prisoners, perhaps very few of either.

Between 0830 and 1200, 15 March, 72 B-25'S, 101 B-26's, 262 B-17s and B-24's-a total of 435 aircraft-bombed the Cassino area. The planes dropped more than 2,000 bombs, a total weight of almost 1,000 tons, in an unprecedented bombardment of awesome proportions.

There was little flak at Cassino, and no German planes appeared to oppose the bombing. The Allied aircraft suffered no losses.
The medium bomber attacks were generally punctual, their bombing concentrated and accurate. The heavy bombers were often at fault on all three counts. Thus, the target received less than the full weight of the bombs dropped. Only about 300 tons fell into the town of Cassino. The remainder landed on the slopes of Monte Cassino and elsewhere. Only half in all found the target area. In addition, there were frequent and long pauses between the attacking waves.
Even this imperfect bombardment demolished Cassino, toppling walls, crushing buildings, and covering the streets with debris.
Some heavy bomber pilots were unable to identify the target, and twentythree returned to their bases with their bombs intact; two jettisoned their loads in the sea. Rack failure on the leading plane of one formation sent forty bombs into Allied-held areas, killing and wounding civilians and troops. These short bombs and others inflicted about 142 casualties-28 were killed-among able the Allied units in the Cassino area.
Ten air miles away, several planes bombed Venafro by mistake, killing 17 soldiers and 40 civilians, and wounding 79 soldiers and 100 civilians. The bombing errors were an "appalling" tragedy that General Clark attributed to "poor training and inadequate briefing of crews. [...]

More aircraft 120 B-17's and 140 B-24's arrived over Cassino early on the afternoon of 15 March to help the ground troops, but heavy cloud formations covered the area and prevented the pilots from finding their targets. They returned to their bases without releasing their loads. Lighter planes had better success. Between 1300 and 1500, 49 fighter-bombers dropped 18 tons of bombs on the railroad station in Cassino. Between 1345 and 1630, 96 P-47's, A-36's, and P-40's struck the base of Monte Cassino with 44 tons. Between 1500 and 1700, 32 P-40's and A-36's hit the forward slopes of Monte Cassino with 10 tons. And 66 A-20's and P-40's loosed 34 tons on various targets at different times during the afternoon.

Blumenson Martin, Salerno to Cassino, - pp. 439..443

On the morning of 15th March air power, terrifying when used against material targets, struck the town of Cassino from which, most fortunately, the civilian inhabitants had been removed during the closing months of 1943. All the serviceable heavy day bombers of Mediterranean Allied Strategic Air Force and almost all the medium bombers of Mediterranean Allied Tactical Air Force were engaged, in all 164 Liberators, 114 Fortresses, 105 Marauders and 72 Mitchells, a total of 455 aircraft. The attacks began at 8.30 a.m. and ended at noon, and in these three and a half hours the aircraft dropped 2,223 one-thousandpound bombs, or 992 tons of high explosive.l The bomb plot confirmed that 47% of the bombs fell within one mile of the centre of the town and 53% near the town and on Monastery Hill. Some other aircraft went astray and four Fortresses and thirty-nine Liberators bombed Vcnafro, Pozzilli, Montaquila, and other places, all situated, as was Cassino, on the western side of a river. The similarity may have misled the pilots. Ninety-six Allied soldiers and one hundred and forty civilians were killed in these mistaken attacks. So much for the cold figures. On this morning in roaring explosions and invisible blast, under clouds of black smoke and yellowish dust the town of Cassino was blown asunder and beaten into heaps of rubble studded with the tottering remains of houses. [...]

Although the weather became dull and overcast during the afternoon of 15th March the Allied air forces were not yet finished with Cassino town and its neighbourhood. One hundred and twenty Liberators and Fortresses were unable to bomb because of poor visibility, but between 1 p.m. and 5 p.m. a formation of eight fighter-bombers became airborne every ten minutes and, flying below the overcast, attacked targets west, southwest, and south of Cassino. In these attacks 32 Mustangs, 16 Thunderbolts, and 140 Kittyhawks, all from U.S. XII Air Support Command, dropped 69 tons of bombs. Twenty-four Boston light bombers from this Command joined in with eight tons of bombs as did 48 Mitchells from M.A.T.A.F. with 75 tons. In addition 59 R.A.F. Kittyhawks of the Desert Air Force dropped 41 tons of bombs at Aquino in the Liri valley. Although the German Air Force had not been much in evidence of late and in fact did not appear on 15th March, its interference was guarded against during the bombing of Cassino by 200 Lightning fighters from M.A.S.A.F. and 12 Spitfires from U.S. XII A.S.C., while a further 100 Thunderbolts swept the sky between Viterbo and Cassino. The 15th March was a day of large, complex, and entirely successful air operations. [...]

C.J.C. Molony, The Mediterranean and the Middle East, (History of the Second World War), Her Majesty’s Stationery Office, London, 1973 - pp. 785, 786

Esposizione delle informazioni.

Al fine di semplificarne la fruizione, le informazioni in questa pagina sono organizzate in tre capitoli:

con riferimento all'azione su Cassino e adottando lo schema logico/temporale con cui sono ordinati i documenti dell'incartamento citato, alcuni dei quali sono stati estratti e resi consultabili singolarmente; le note al testo faranno riferimento ai singoli documenti.

No.51 LUDLOM (CASSINO OP)

Progettazione.

Reduction of CASSINO town.

In un documento redatto dal XII Air Support Command (XII ASC) datato 22 febbraio 1944 [2], si proponeva l'intervento dell'aviazione per sbloccare la situazione di Cassino:

  1. The Army situation as it now exists in the CASSINO area has reached a point which indicates a complete stalemate unless the town of CASSINO is taken by joint ARMY - AIR FORCE action. The Fifth Army has recognized the fact that ground units alone cannot capture the town and consequently is prepared to accept an Air Force time schedule.
  2. The requirement for the Air Force participation is the complete reduction of the area show on the attached photograph in particular reference to the blasting of all buildings in the town proper. It is our opinion that no bombs of less 1000 pound weight should be employed and that heavier bombs are desirable. Fusings should permit penetration of buildings to basement depth.
  3. The Fifth Army is prepared to participate in the joint action anytime after 1200 hours on February 24, This participation will involve withdrawal of Army unite from the danger area on the night of February 23/24, or on the night preceeding the day finally selected for the attack.
L'azione, ipotizzata già per il 24 febbraio e per la quale si prevedeva l'impiego di 6 gruppi da bombardamento medi e 7 pesanti sul bersaglio tra le 9:00 e le 12:00, doveva interessare l'area di Cassino ed in particolare radere al suolo (blasting) gli edifici della città.

Iniziò una serie di comunicazioni tra il XII ASC il Mediterranean Allied Strategical Air Force (M.A.S.A.F.), il Mediterranean Allied Tactical Air Force (M.A.T.A.F.) ed i comandi delle grandi unità aeree (42th Wing, 57th Wing, 15th Air Force) in cui si precisavano o modificavano i contorni dell'operazione, si facevano presente aspetti critici e si posponeva la data di attacco via via precedentemente fissata.

Target area

Nella comunicazione M.A.T.A.F. del 23 febbraio [3] venivano definite due aree bersaglio all'interno della città, riportate su una fotografia allegata alla comunicazione stessa (TAF/No.100):


(Photo id 5448)

Coloured smoke

Tra il 23 ed il 25 febbraio si discutè dell'opportunità di disporre di segnalazioni a terra (fumo colorato) che fossero d'aiuto per individuare il bersaglio e la linea di inizio area. Mentre il M.A.T.A.F. concordava, il M.A.S.A.F. lo riteva utile non tanto per individuare il bersaglio quanto per evitare di bombardare entro le linee amiche (n.d.a. furono invece proprio alcuni aerei dei gruppi appartenenti alla 15th Air Force che confusero il bersaglio rilasciando il loro carico di bombe su truppe amiche e civili).

Si scopre però che la quantità di materiale fumogeno necessaria per marcare continuamente la linea di inizio dell'area di bombardamento per tutto il tempo dell'operazione è difficilmente approvvigionabile e dopo una veloce verifica l'impiego dei fumogeni viene definito non consigliabile (not considered advisable) dallo stesso XII ASC che lo aveva inizialmente proposto.

Di seguito i messaggi intercorsi tra i soggetti:

23 february
  • to MATAF, MASAF from XII ASC - ref. EA.424 F.
    WOULD ANY SPECIAL RADIO CONTROL OR NAVIGATION MARKERS BE OF PARTICULAR VALUE TO YOU, QUERY WE CAN ARRANGE FOR LINE OF COLORED SMOKE ALOUNG BASE OF MOUNT TROCCHIO, TROCCHIO, VENAFRO OR ANY OTHER POINT YOU DESIRE
  • to XII ASC from MASAF - ref. FAF E.697 cite EA.424 F.
    WHEN AND IF WE ATTACK CASSINO WE CAN IDENTIFY THE TOWN WITHOUT SPECIAL NAVIGATION AIDS. LINE OF COLOURED SMOKE ALONG SPECIAL BOMBING LINE WOULD HELP PREVENT BOMBING FRIENDLY TROOPS OR HEADQUARTERS.
  • to XII ASC from MATAF - ref. A.172 cite EA.424 F.
    WILL COLORED SMOKE BE EMPLOYED FOR OPERATION QUERY. PLEASE ADVISE IN ORDER THAT 57 AND 42 WINGS MAY BE WARNED.
24 february
  • to MASAF, MATAF from XII ASC - ref. EA. 435 F. cite FAF E.697 + A.172
    (12.10) EMPLOYMENT OF COLORED SMOKE TO MARK POSITION FORWARD TROOPS FOR CASSINO ATTACK BEING INVESTIGATED. DIFFICULTY REST IN PROVIDING QUANTITY REQUIRED FOR CONTINUOS MARKING SO FAR FORWARD. WILL KEEP YOU ADVISED.
  • to MASAF, MATAF from XII ASC - ref. B.4 F. cite FAF E.697 + A.172
    (17.35) - FURTHER TO OUR EA. 435 F. OF SAME DATE, NOT CONSIDERED ADVISABLE TO MARK FRONTLINE TROOPS BY SMOKE FOR PERIOD OF CASSINO ATTACK - PART TWO - REQUEST THAT IMPORTANCE OF MAKING GOOD TIMES OVER THE TARGET BE STRESSED IN BRIEFING - PART THREE - FLACK OVER CASSINO PRATICALLY NIL ALTHOUG SOME NOTED VICINITY ROCCASECCA.

Bomb Groups

Il 22 febbraio il XII ASC ipotizzava l'impiego di 13 gruppi da bombardamento (2 M, 7 H, 4 M), sul bersaglio con un intervallo di 15 minuti tra le 9:00 e le 12:00.
Con la comunicazione M.A.T.A.F. del 26 febbraio [4] il numero dei gruppi da bombardamento viene aumentato e passa a 16 (2 M, 11 H, 3 M); i primi 4 gruppi ad intervallo di 10 minuti i seguenti ad intervallo di 15 minuti, dalle 8:30 alle 12:00.

Bombline

La proposta iniziale dell'azione, datata 22 febbraio, indicava la seguente linea di demarcazione dell'area di bombardamento (special bombline): G-830215, 845215, 855225, 870225, 870180.
La successiva comunicazione M.A.T.A.F. del 26 febbraio modificava ed estendeva la linea di demarcazione, che sarà confermata in un'ulteriore comunicazione del M.A.T.A.F. del 11 marzo [5] e che troveremo invariata nel piano finale di attacco: G-815290, 815225, 820225, 820214, 836214, 847212, 848217, 855225, 870225, 870206, 865195, percorso del FIUME RAPIDO fino alla congiunzione RAPIDO-LIRI, G-8811, percorso del FIUME, G-9010.

In blu la linea di demarcazione oltre la quale dovevano indietreggiare le truppe alleate la notte prima del bombardamento. La direzione di attacco sarebbe stata perpendicolare a tale linea.


(Photo id 5446)

Bombs

La comunicazione M.A.T.A.F. del 11 marzo confermava che non si sarebbe dovuto utilizzare bombe di peso inferiore a 1.000 libbre e che le spolette di innesco non dovevano avere un lungo ritardo. Disponeva inoltre che le bombe caricate dagli aerei del 57th Wing fossero dotate di apparati fischianti (questa grande unità avrebbe fornito gli aerei per le prime due ondate).

Pre-selected targets

In supporto all'avanzata delle truppe di terra in città, che sarebbe in iniziata al termine dell'azione dei bombardieri medi e pesanti, veniva previsto l'impiego di bombardieri leggeri e di cacciabombardieri su obiettivi ritenuti dei punti nevralgici del dispositivo di difesa tedesco (comunicazione M.A.T.A.F. del 11 marzo).

Vennero individuati tre obiettivi specifici all'interno della città:


(Photo id 5449)

Purtroppo non abbiamo trovato traccia del processo decisionale che portò all'individuazione di questi obiettivi, li troviamo indicati solo in documenti di relazione successivi al 15 marzo.

Weather forecast

Il monitoraggio dell'evoluzione della situazione meteo venne affidato al capitano David M. Ludlum del Twelfth Weather Squadron, fu lui di fatto a decidere la data del bombardamento.

La data di esecuzione dell'operazione venne più volte rimandata, la conferma dell'operazione o lo spostamento ad altra data veniva comunicato entro le 18:00 del giorno precedente quello al momento fissato. Finalmente il 14 marzo, il capitano Ludlum informò che le condizioni meteorologiche sarebbero state favorevoli il giorno successivo:

Finally, on March 14, Dave advised that weather conditions would be favorable the next day. Specifically, his forecast called for partly cloudy skies on the moming of March 15, with cloudiness increasing in the afternoon and evening at the middle and higher altitudes. Visibility would be unrestricted, but light rain (one-tenth of an inch) was probable at night on the fifteenth. Moreover, the prospects for March 16 and 17 were not promising. A high-pressure area near the Azores had weakened considerably, which would permit low-pressure centers from the North Atlantic to enter the Mediterranean, bringing increasing cloudiness and attendant moisture. [6]

CASSINO: OPERATION LUDLUM

Sarà il Gen. Clark ad attribuire all'operazione per il bombardamento di Cassino il nome "Ludlum", in onore del capitano David M. Ludlum del Twelfth Weather Squadron, colui che con le sue previsioni deciderà di fatto la data del bombardamento.

01/02/2019 | richieste: 532 | VALENTINO ROSSETTI
ARTICLES IN ENGLISH | Le battaglie | #marzo 1944, bombing, cassino
[English version][PDF]

Detailed plan for Operation "LUDLUM" [7]

L'11 marzo il XII ASC inviò al comandante generale del M.A.T.A.F. il piano dettagliato dell'operazione "LUDLUM" [7] che ormai era diventata un'operazione ben più importante di quella ipotizzata nella proposta del 22 febbraio; essa costituiva infatti la fase aerea della più ampia e complessa operazione, combinata tra aviazione ed esercito, per scardinare la posizione di Cassino e consentire l'avanzata delle truppe alleate verso la valle del Liri.

L'operazione "LUDLUM" era articolata essa stessa in quattro fasi

  1. Il bombardamento della città di CASSINO (The reduction of CASSINO town).
  2. Il bombardamento delle aree di difesa nemiche in prossimità degli attraversamenti del FIUME RAPIDO.
  3. Il bombardamento delle posizioni difensive nemiche lungo la linea AQUINO-PONTECORVO.
  4. L'interdizione delle comunicazioni nemiche sul FRONTE DI CASSINO.
L'operazione sarebbe stata eseguita mentre il nemico ancora minacciava la testa di ponte di ANZIO; la difesa aerea della testa di ponte rimaneva quindi un punto fermo.

L'operazione "LUDLUM" pianificava l'attività aerea dal giorno "D" alla notte "D-1 / D-2", sottoponendo l'esecuzione delle azioni previste per il giorno "D-1" al successo delle operazioni di terra del giorno "D".

L'avvio del piano sarebbe dipeso dalla seguente combinazione di requisiti meteorologici per il giorno "D":

  1. Condizioni meteo operative (14.000 piedi) sul bersaglio.
  2. Condizioni meteo operative su tutte le basi dei bombardieri in SARDEGNA, NAPOLI AREA e FOGGIA AREA.
  3. Condizioni meteo operative tra le basi ed il bersaglio.
  4. Idoneità del terreno per le operazioni dei carri armati che avrebbero dovuto seguire immediatamente dopo il completamento della prima fase del piano aereo.

Nonostante lo studio di tutti i fattori coinvolti al fine di assicurare il successo dell'operazione combinata, sarebbe stata necessaria una elevata flessibilità durante lo svolgimento, al fine trarre il massimo vantaggio anche da eventi imprevisti.

Esecuzione.

ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15th MARCH, 1944. [8]

Phase "A" - Air Bombardment

Tra le 08:30 e le 12:00 del 15 marzo la città di Cassino fu bombardata da 435 aerei che sganciarono 2.214 bombe da 1.000 libbre per un totale di circa 1000 tonnellate [9], di queste si stima che circa 300 tonnellate caddero nella città vera e propria ed il resto sulle pendici di Montecassino e nelle vicinanze.

I tempi ed i risultati del bombardamento sono riportati nella tabella qui sotto. [10]
Come si può leggere, i bombardieri medi furono rispettosi della tempistica prevista mentre i bombardieri pesanti furono generalmente in ritardo, causando lunghe pause tra i singoli attacchi.

Durante la mattinata altri 2 bombardieri pesanti rilasciarono il loro carico di bombe in mare e altri 23 non riuscirono ad individuare l'area bersaglio e ritornarono alle basi con il loro carico di bombe.

A causa di un guasto al sistema di sgancio delle bombe dell'aereo leader di una formazione, 40 bombardieri pesanti sganciarono il loro carico di bombe su Venafro, Pozzilli, Montaquila - (G-907221), (G-921195), (H-0823), (H-0219), (G-905227), (H-033196), (H-020183), (H-020196) - all'interno delle linee alleate. Approssimativamente 20 militari furono uccisi e 85 feriti. A Venafro in particolare rimasero uccisi approssimativamente 60-75 civili. [11] Questi bombardamenti si verificarono generalmente nel settore tenuto dalle truppe del C.E.F..
Osservatori a terra riferirono che gli attacchi dei bombardieri medi furono in maggior parte accurati e concentrati mentre gli attacchi dei bombardieri pesanti lo furono meno ma generalmente molto efficaci. Tranne gli episodi di cui sopra, la maggior parte delle bombe cadde nell'area bersaglio. Alcune bombe caddero leggermente corte sul lato est del Rapido e alcune caddero sul Monastero.

L'operazione "LUDLUM" era, a questo punto, in pieno svolgimento. Dalle 13:00 alle 17:30 gruppi di 8 cacciabombardieri con un'intervallo di intervallo di 10 minuti attaccarono i tre obiettivi specifici pre-individuati all'interno dell'area della città:

L'area fu sempre pattugliata da aerei P38, sia durante la mattinata sia nel pomeriggio, senza incontrare alcun aereo nemico e senza perdite.

Phase "B" - Artillery bombardment

Il supporto dell'artiglieria all'attacco su CASSINO iniziò come previsto alle 12:00 del 15 marzo. Un totale di 890 cannoni e obici di tutti i calibri disponibili parteciparono all'azione. Il piano generale prevedeva due fasi:

Il quantitativo di munizioni d'artiglieria impiegate a sostegno dell'attacco nel periodo 12:00-20:00 è riportato nella tabella che segue. [12]

Furono sparate circa 196.000 granate. Si calcolò in 2.500 tonnellate il peso delle granate ad alto potenziale esplosivo sparate sulla città durante il bombardamento ed il successivo sbarramento; ulteriori 1.500 tonnellate furono sparate su batterie nemiche e su altri bersagli.

Retrovie tedesche.

Come detto l'operazione "LUDLUM" prevedeva anche un'importante numero di azioni aeree sulle retrovie tedesche:

  • The reduction of enemy defense areas commanding the RAPIDO RIVER crossings.
  • The reduction of enemy defensive positions along AQUINO - PONTECORVO line.
  • The interdiction of enemy commmications into the CASSINO PRONT.

Nelle aree evidenziate in rosso, nell'immagine qui sotto, gli obiettivi dell'operazione "LUDLUM" previsti per il giorno "D"


(Photo id 5447)

Solo alcune di queste incursioni furono eseguite; in particolare, durante il pomeriggio del giorno "D" 120 B17 e 140 B24 tornarono per una seconda azione (dopo Cassino) ma trovarono le aree bersaglio completamente coperte dalle nuvole e fecero ritorno alle basi con il loro carico di bombe.

Alcuni obiettivi furono attaccati con risultati accurati ed efficaci: 34 tonnellate di bombe (19 x 500 libbre, 68 x 250 libbre, 65 x 100 libbre e 1740 x 20 libbre) furono sganciate da 47 A20 e 19 P40.

E' inoltre molto probabile che durante la fase operativa degli obbiettivi furono modificati e anticipati rispetto alla pianificazione iniziale.

Valutazione.

Results. [13]

Conclusions. [13]

Sebbene l'operazione fallì il suo scopo, sono comunque possibili alcune considerazioni a partire dai risultati ottenuti.

Report on field trip. [14]

Il 29 maggio 1944 il maggiore Scantlebury ed il capitano Raymond J. Lohr, estensore di questo rapporto, attraversarono l'area di Cassino allo scopo di effettuare una ricognizione dei danni del bombardamento.

  • E' stato possibile vedere Cassino solo dalla strada principale che attraversa la città, poiché la città è recintata ed è ancora pesantemente minata e piena di trappole esplosive. Il comandante britannico della città ha affermato che non è stata ancora avviata alcuna azione per la "pulizia" dell'area.
  • Tuttavia dalla strada si poteva avere una buona visione generale delle rovine ed è stato possibile eseguire qualche ispezione per gli edifici adiacenti alla strada, come l'Hotel Continental e l'Hotel Des Roses, dove rimangono le evidenze dei notevoli combattimenti.
  • Tutti gli edifici sono ovviamente distrutti ma molti muri sono in parte ancora in piedi.
  • Molte case avevano intatte le cantine ed il pianterreno; coperte e circondate da macerie costituivano delle buone fortificazioni per posizioni di tiro.
  • Una casa di circa 120 metri quadri ("40 ft. square", si è pensato a 40 ft. per 40 ft. ndr) aveva alcune pareti in piedi ed il primo piano non era crollato, ma tutti gli accessi alla cantina erano così coperti da detriti da renderla inutile come ricovero. Quando tutta la sovrastruttura crollata copriva le aperture della cantina rendeva la casa stessa non utilizzabile come riparo.
  • Una casa di circa 12 metri di larghezza e di lunghezza indeterminabile, aveva pareti alte fino a circa 3 metri. Queste pareti erano di 60 cm di spessore. Due ampie fessure nei detriti nella parte superiore delle finestre della cantina costituivano ottimi punti di tiro. L'ingresso alla cantina era un buco scavato sul lato. Da questa casa si poteva controllare la strada che conduceva in città.
  • L'Hotel Continental aveva tre pesanti arcate che sostenevano ancora il tetto del primo piano; con le macerie accatastate davanti e le entrate nel cortile nella parte posteriore; questi archi costituivano una formidabile fortificazione. L'unico modo per distruggerlo sarebbe colpirlo direttamente con delle bombe. I detriti del piano superiore e del tetto si erano accumulati a cupola sul primo piano fino a raggiungere uno spessore di circa 2,5 metri al centro; probabilmente una copertura efficace contro i proiettili di artiglieria.
  • La collina al di sotto dell'abbazia presentava delle rovine che potevano trasformarsi in buone posizioni per fucili e mitragliatrici.
  • È interessante notare che alcuni archi, sottili nella loro costruzione, sono ancora in piedi, tra le rovine, mentre le case a cui appartenevano sono completamente crollate.

Lasciammo Cassino percorrendo la strada per Pignataro che superammo di diverse miglia. Questa strada era evidentemente un'importante arteria di comunicazione per le linee tedesche verso sud-est. La strada è fiancheggiata da piccole fosse scavate ai margini per la conservazione delle munizioni o per postazioni di tiro. Molte pietre, zolle e buche di varie dimensioni sono visibili nei campi. Alcune sono semplicemente buchi nelle sponde dei fossati, altre sono postazioni di cannoni con sacchi di sabbia posizionate dietro un scavo o dietro un rialzo del terreno. Non abbiamo visto fortificazioni in cemento.

Le conclusioni che si possono trarre dalla nostra osservazione sono le seguenti:

  1. Per livellare completamente tutti i muri e tutti i piani di una città delle dimensioni di Cassino, il bombardamento dell'area richiederebbe un quantitativo di bombe molto più grande di quello usato.
  2. Le restanti mura e cantine usate come fortificazioni potrebbero essere eliminate da bombe GP [15], accuratamente piazzate, o da bombe SAP [16], con maggiore ritardo di esplosione, regolato probabilmente a .1 secondi
  3. In una zona difesa come la linea di battaglia tra Cassino e Pignataro le strade di comunicazione devono considerarsi come primi obiettivi per i bombardamenti in picchiata con bombe GP e pesanti bombe frammentarie. Questo per distruggere le munizioni immagazzinate sulla strada e le buche di riparo per gli uomini, spesso solo leggermente protette con sacchi di sabbia, che sarebbero state facilmente distrutte.
  4. I campi stessi sono punteggiati da piccole buche per uomini e postazioni di cannoni, probabilmente efficacemente mimetizzati dalla vista dall'alto. Il bombardamento in picchiata di queste aree con bombe frammentarie da 260 libbre e con bombe cluster GP da 100 libbre dovrebbe dare buoni risultati. Le bombe GP possono essere regolate con un ritardo di esplosione differenziato, istantaneo e a .025 secondi in modo da ottenere sia l'effetto di frammentazione sia l'effetto di penetrazione.

* * *

Testimonianze e commenti, la stampa e i comunicati.

Rudolf Bohmler, MONTE CASSINO, Baldini e Castoldi - 1963, pag. 451

"Per effettuare il bombardamento su Cassino il Generale Eaker aveva concentrato la più ingente flotta aerea che fosse mai comparsa sul teatro di guerra del Mediterraneo.
Parteciparono all’attacco 775 aerei, di cui 575 bombardieri medi e pesanti e 200 caccia e cacciabombardieri. Sopra Cassino e Rocca Ianula, una zona dai 400 ai 1.400 m., 260 “Fortezze volanti” del tipo B17, 220 “Mitchell” e “Marauder”, 45 A20 e 50 A36 lasciarono cadere il loro carico: 1.250 tonnellate di bombe (1) colpirono la città, le sue immediate vicinanze e la Rocca Ianula.”
(1) Numerose fonti dichiarano 2.500 t. di bombe.

Il generale Jacob L. Devers in una lettera a Washington in data 22 marzo 1944:

“Ho creduto che il 15 marzo con l’attacco contro Cassino avessimo raggiunto il nostro scopo e che saremmo riusciti finalmente a penetrare la Valle del Liri. Abbiamo impiegato l’aviazione, l’artiglieria e i carri armati, seguiti immediatamente dalla fanteria. Assistetti all’attacco dall’altra parte della valle: ebbe inizio con un tempo splendido. Il bombardamento fu centrato molto bene e fu pesante; il fuoco dell’artiglieria che seguì fu ancora più pesante e più preciso. Vi presero parte 900 cannoni. Due gruppi di bombardieri medi gettarono le prime bombe alle 8:30 in punto; vennero seguiti da 11 gruppi più pesanti e poi tre gruppi di apparecchi medi. Fino alle 9 i gruppi si susseguirono ogni dieci minuti, dopo, ogni 15 minuti. Nonostante tutto ciò, nonostante l’eccellente appoggio dei cacciabombardieri e dell’artiglieria, che durò tutto il pomeriggio, le truppe terrestri non riuscirono a raggiungere i primi obiettivi del loro attacco….” (1)
(1) “The War Reports of General Marshall”.

* * *

Note

  1. ^ I documenti sono contenuti nella bobina di microfilm AFHRA REEL 24991 frame 0336..0410 - No. 51 LUDLOM (CASSINO OP).
  2. ^ AFHRA REEL 35247(R) frame 1181..1188 - HQ XII ASC APO #374, ref. E-TCD/seb, 22 February 1944. Reduction of Cassino Town.
  3. ^ HQ MATAF, ref. TAF/3/2/AIR, 23 February 1944. CASSINO OPERATION.
  4. ^ HQ MATAF, ref. TAF/3/2/AIR, 26 February 1944.
  5. ^ HQ MATAF, ref. TAF/69/AIR, 11 March 1944. CASSINO OPERATION.
  6. ^ Le previsioni ufficiali di Ludlum sono incluse come Appendice C (pp. 257-58) in Bates ad Fuller, Wx Warriors.
  7. ^ HQ XII ASC APO #374, ref. B-TCD/seb, 11 March 1944. Operation "LUDLUM".
  8. ^ AFHRA REEL A6112 frame 0175..0189 - HQ MATAF, ref. TAF/69/AIR, 11th July 1944. ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15th MARCH 1944.
  9. ^ I dati numerici relativi al bombardamento (n. aerei, n. bombe, ecc.) non sono quasi mai univoci. Le differenze possono essere imputate al soggetto che li diffuse, al momento in cui furono raccolti, al contesto operativo a cui ci riferiva; a volte si fà riferimento alle bombe caricate a volte a quelle sganciate, in alcuni casi agli aerei decollati in altri a quelli sul bersaglio ecc..
    Un esempio: nel documento ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15 MARCH, 1944. Reference: TAF/69/AIR, 11th July 1944, Appendix "D" - REPORT ON ATTACK BY H.Q., FIFTH ARMY - 27 April 1944, a pagina 1, sono indicati 503 aerei e 1060 tonnellate di bombe. Questo documento indica un riferimento generico a "Cassino area" e visto che il numero maggiore di aerei è sostanzialmente a carico dei B25, è possibile che in questo caso i numeri comprendano anche le azioni del 340BG e del 321BG su "Piedimonte" e "Cassino West gun site", eseguite sempre nella mattinata del 15 marzo dopo quella su Cassino; ma è solo un'ipotesi.
  10. ^ AFHRA REEL A6112 frame 0175..0189 - HQ MATAF, ref. TAF/69/AIR, 11th July 1944. ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15th MARCH 1944. Appendix "C" - TIMING AND RESULTS OF RAIDS.
  11. ^ In realtà le vittime civili furono 91 (Giovanni Petrucci, 15 MARZO 1944, LA DEVASTAZIONE DI VENAFRO, DVaC - 2008).
  12. ^ AFHRA REEL A6112 frame 0175..0189 - HQ MATAF, ref. TAF/69/AIR, 11th July 1944. ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15th MARCH 1944. Appendix "D" - REPORT ON ATTACK BY H.Q. FIFTH ARMY - 27 April 1944, pag. 2.
  13. ^ AFHRA REEL A6112 frame 0175..0189 - HQ MATAF, ref. TAF/69/AIR, 11th July 1944. ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15th MARCH 1944. Results. Conclusions., pagg. 4..6.
  14. ^ AFHRA REEL A6112 frame 0175..0189 - HQ MATAF, ref. TAF/69/AIR, 11th July 1944. ATTACK ON CASSINO, ITALY, 15th MARCH 1944. Appendix "E" - REPORT ON FIELD TRIP - 31 May 1944.
  15. ^ General purpose bombs. GP bombs are used in the majority of bombing operations against targets requiring some penetration. Their cases are relatively light and approximately 50 percent of their complete weight is explosive material. GP bombe may use both nose and tail fuzes. GP bombs are classified as old-series, new-series, or low-drag, according to their basic configuration. (http://www.talpo.it/).
  16. ^ Semi-armor-piercing bombs. SAP bombs, thick walled and normally tail fuzed, are used to penetrate armored and hard targets. A solid metal nose plug can be replaced with a nose fuze when penetration is not required. Approximately 30 percent of the complete weight of the bomb is explosive material. (http://www.talpo.it/).

Articoli

CASSINO: OPERATION LUDLUM

Sarà il Gen. Clark ad attribuire all'operazione per il bombardamento di Cassino il nome "Ludlum", in onore del capitano David M. Ludlum del Twelfth Weather Squadron, colui che con le sue previsioni deciderà di fatto la data del bombardamento.

01/02/2019 | richieste: 532 | VALENTINO ROSSETTI
ARTICLES IN ENGLISH | Le battaglie | #marzo 1944, bombing, cassino
[English version][PDF]

I BOMBARDAMENTI DI MONTECASSINO E CASSINO IN UNA TESTIMONIANZA DEL MARZO 1944

The bombings of Montecassino and Cassino in a report of March 1944.

15/05/2008 | richieste: 3397 | PIERRE ICHAC
Testimonianze | #febbraio 1944, #marzo 1944, bombing, cassino, montecassino-abbazia

15 MARZO 1944: LA DEVASTAZIONE DI VENAFRO

Gli aerei colpirono un ospedale militare marocchino uccidendo o ferendo quaranta soldati. Quarantaquattro vittime vi furono fra le artiglierie alleate. .... Per i soldati in attesa nelle zona vicina al bersaglio fu uno spettacolo tanto pericoloso quanto impressionante.

13/03/2007 | richieste: 4136 | GIOVANNI PETRUCCI
Le battaglie, I luoghi | #marzo 1944, bombing, venafro

IL BOMBARDAMENTO DELL'ABBAZIA DI MONTECASSINO E DELLA CITTA' DI CASSINO

La Sovrintendenza italiana ai musei dell’Italia meridionale aveva posto in particolare rilievo il valore storico di Monte Cassino e il Comando della 5ª Armata aveva ribadito dal canto suo la necessità di preservare l'edificio dai bombardamenti.

24/07/2002 | richieste: 10585 | MARTIN BLUMENSON
Le battaglie | #febbraio 1944, #marzo 1944, bombing, cassino, montecassino-abbazia

Immagini

4048
4049
4050
4051
4052
4053
4054
4055
4056
4057
4058
4059
4060

Collegamenti