Il carro del tenente Peter Brown
Data: 30/12/2011Autore: LIVIO CAVALLAROCategorie: I luoghi
Tag: #marzo 1944, nuova-zelanda, tank

IL CARRO DEL TENENTE PETER BROWN

3203

Terza battaglia per Cassino, 17 marzo 1944.
La fanteria neozelandese combatte da due giorni tra le rovine della città, contro una tenace ed inaspettata difesa dei paracadutisti tedeschi.
Quel giorno sono in programma due attacchi da parte neozelandese, il primo dovrà svilupparsi lungo la via Casilina in direzione dell’Hotel Excelsior (Continental per gli Alleati) ed avrà quale primo obbiettivo i Botanical Gardens. Il secondo attacco sarà rivolto verso la stazione di Cassino.

I Botanical Gardens, come vengono denominati dagli Alleati, sono in realtà piazza Principe Amedeo. L’area è semi allagata a causa delle piogge cadute tra il 15 e il 16 marzo, che hanno riempito le voragini causate dal bombardamento aereo. Tra le macerie spiccano i resti di molti alberi che adornavano la piazza, da qui il nome dato dagli Alleati. Quella piazza deve essere occupata dalla compagnia A del 25° Battaglione, mentre sulla sinistra, lungo le case sul lato Sud della Casilina, deve avanzare la compagnia B del 25° Battaglione. Il supporto di fuoco è fornito, tra l’altro, dai carri M4A2 Sherman del 19° Reggimento Corazzato neozelandese.

L’attacco ha inizio alle 0645 e subito si accendono scontri intensi tra le case diroccate poste sui lati della Casilina. Le due compagnie avanzano e in una giornata di combattimenti occupano i resti della chiesa di Sant’Antonio, l’area delle case più avanti, nonché i Botanical Gardens.
I carri neozelandesi del 10 Troop dello Squadrone C, comandato dal Tenente Peter Brown [1], supportano l’azione della compagnia B del 24° Battaglione sulla sinistra. Durante la mattinata il carro del tenente perde un cingolo e viene aggredito da alcuni paracadutisti tedeschi che salgono sullo scafo per lanciare delle granate nella torretta. Ma un altro carro apre fuoco con le mitragliatrici di bordo eliminando la minaccia.

Il giorno seguente 18 marzo, mentre si trova nell’area di via Arigni, il medesimo carro viene colpito da un razzo di Panzerfaust che immobilizza del tutto il mezzo uccidendo due uomini dell’equipaggio e ferendo lo stesso Brown. I fanti della compagnia B del 24° Battaglione che operano in quell’area eliminano la squadra con il Panzerfaust e aiutano a estrarre i supersiti dal carro colpito.

Dopo la liberazione di Cassino nel maggio 1944, il tenente Brown tornò nel luogo dove il suo carro era stato immobilizzato e cospargendo la torretta del carro con del carburante vi appiccò il fuoco invece di recuperare i resti dei due uomini uccisi all’interno.
La foto a colori del carro in questione, fu scattata dell’estate del 1944 e mostra la torretta bruciata.

  • Lo studio dell'autore per determinare la posizione del carro nella Cassino distrutta.
  • L'azione del 10 Troop e il percorso del carro del Tenente Peter Brown.
  • Note

    1. ^ Le notizie riguardanti il Tenente Peter Brown e il suo carro sono riportate a p. 167 di The Battles for Monte Cassino di Jeffrey Plowman e Perry Rowe, After The Battle Pubblishing 2011.

    Bibliografia

    Articoli associati

    Nota del webmaster

    Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione "Autore" si leggerà "A cura di".