LA BATTAGLIA DI CECCANO
Data: 30/05/2014Autore: ALBERTO TURINETTI DI PRIEROCategorie: Le battaglie, RicercheTag: #maggio 1944, #today, ceccano, unità-reparti

LA BATTAGLIA DI CECCANO

La battaglia di Ceccano, i tragici giorni della fine di maggio del 1944 e le violenze subite dalla popolazione civile di questa terra da parte dei militari del Corpo di Spedizione Francese, costituiscono l’oggetto di un intervento che lo storico Alberto Turinetti di Priero ha tenuto, venerdì 30 maggio 2014, in videoconferenza con gli studenti del liceo di Ceccano.

L’intervento, molto atteso soprattutto dai tanti che hanno collaborato alle giornate di studio e di confronto che si sono susseguite al Liceo di Ceccano in occasione del 70° anniversario della guerra nel Frusinate e in particolare della battaglia di Ceccano, completa il contributo fornito dallo storico piemontese anche per la redazione del libro Ceccano e la guerra 1944-2014.

Scaricate il libro:

Per chi ha seguito la lezione fino alla fine, ecco la lista dei reparti tedeschi che hanno fronteggiato il C.E.F. nella zona di Ceccano-Palombara. I dati erano tratti dagli interrogatori dei prigionieri.

Segue una breve cronologia dei fatti.

* * *

Ceccano - Colle della Palombara. Breve cronologia

28 maggio 1944

Corps de Montagne
Il groupement Louchet si impadronisce del colle della Palombara verso le 10.
Il Groupement Guillaume si impadronisce della quota 530 ad ovest del colle ed alle 10,30 della Punta dell’Orticello.
Nel pomeriggio, forze di fanteria tedesca del valore di un battaglione con cinque carri Mark IV rioccupano il colle della Palombara e l’incrocio stradale a sud del colle verso le 18.
Il Groupement Guillaume mantiene il possesso della quota 530 e della Punta dell’Orticello ai lati del colle.

2e Division d’Infanterie Marocaine
Il Groupement Molle arriva nella mattinata ai bordi di Ceccano e urta contro forti resistenze tedesche. Si ferma davanti a colle Morrone, ma cattura il colle Boschetto.
Il Groupement Bridot è lungo il Sacco, da dove vengono inviate ricognizioni sulla riva nord ancora occupata dai tedeschi. I canadesi bombardano.

29 maggio 1944

Corps de Montagne
Il Groupement Louchet avanza sulla strada Priverno-Montelanico fino a 2 Km. da Maenza.
Il Groupement Guillaume mantiene il contatto con il nemico al colle della Palombara ed al cimitero di Giuliano di Roma.
Il Groupement Bondis (II/1er R.T.M., II et III/2e R.T.M., 3e G.T.M., elementi del 69e R.A.A., C.A.C. dei 2e et 6e R.T.M.), in riserva, si raggruppa nella regione Villa Santo Stefano-Prossedi.

2e Division d’Infanterie Marocaine
Il Groupement Molle viene sciolto.
Il 5e R.T.M., a sinistra, conduce duri combattimenti sul colle Morrone, tenuto dal II./I.R. 577; il 8e R.T.M., a destra, arriva fino al bordo sud di Ceccano;
il 4e R.T.M. è in riserva lungo il Sacco in attesa dei canadesi.

Verso le 19,30 il 5e R.T.M. conquista il colle Morrone, mentre il Corps de Montagne inizia una manovra ad est del colle della Palombara progredendo verso nord.

Nella zona colle della Palombara-Ceccano vengono individuati i seguenti reparti tedeschi.

Sulle creste ad ovest del colle:

tra il colle e il Morrone: tra il Morrone e Ceccano:

30 maggio 1944

3893

Corps de Montagne
Alle 9,30 il colle della Palombara è preso dal III/1er R.T.M. e dal distaccamento blindato Du Corail (8e R.C.A.);
nel pomeriggio sono ripuliti i dintorni del colle ed il I/1er R.T.M. cattura il monte Caccume.
Il Groupement Louchet avanza verso Carpineto Romano, la cui periferia viene raggiunta verso le 23,30.

2e Division d’Infanterie Marocaine
Alle 9, attacca la linea di resistenza tedesca fra il colle della Palombara e Ceccano, riuscendo a rompere il dispositivo nemico. Gli elementi tedeschi che difendevano Ceccano (kampfgruppe della 305. I.D. e II./Pz.Gr. 67) si ritirano verso nord. Nel pomeriggio viene lanciato il Groupement blindé Simon (8e R.C.A., 1 escadron del 3e R.S.M., 1 squadrone carri leggeri del 757th US Tank Battalion, 1 sq. Carri Sherman del US 757th Tank Battalion) lungo il Sacco, in direzione di Gavignano.

Legenda:

Nel caso in cui il testo derivi sempicemente dall'esposizione, con o senza traduzione, di documenti/memorie al solo fine di una migliore e più completa fruizione, la definizione Autore si leggerà A cura di.